Related Posts Plugin for WordPress, Blogger... Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
nome: email:

01 feb 2012

Perché non usare il forno a microonde.


Molte persone ignorano che la cottura tramite il forno a microonde è sconsigliata poiché profondamente nociva.


Nel 1991 una donna fu uccisa da una trasfusione di sangue riscaldato al microonde: a volte il sangue viene portato alla giusta temperatura riscaldandolo, ma mai e per nessuna ragione utilizzando il microonde, è vietato. Forse l’infermiera che in quella tragica occasione lo aveva usato per scaldare il sangue prima di trasferirlo nell’ignara paziente, non lo sapeva.

Tutti sanno che il microonde scalda, ma pochi si domandano come lo fa. L’esempio del sangue fa pensare che forse il microonde oltre a scaldare provochi qualche altro strano effetto.

Un piccolo resoconto sulla pericolosità del microonde per cuocere o scaldare il cibo, è stato trasmesso tramite un annuncio radio dall’università del Minnesota (U.S.A.): “ Scaldare il latte dei bambini imbottigliato è pericoloso poiché spesso l’involucro esterno rimane tiepido mentre il suo contenuto raggiunge temperature elevate e se non si presta attenzione, si corre il rischio di dare al bimbo latte cosi caldo che potrebbe ustionargli bocca e gola.
Il latte, anche quello materno, scaldato nel microonde causa la totale distruzione di vitamine e di altri fattori nutrienti; si consiglia dunque di scaldare le bottiglie di latte sul fuoco “a bagnomaria” e prima di dissetare il bimbo controllare la temperatura tramite le vostre labbra.

Ci sono relativamente pochi studi scientifici sugli effetti negativi della cottura a microonde, ciò è abbastanza sorprendente in quanto durante i pochi decenni nei quali le persone hanno usato tale forno, l’incidenza di malanni da esso provocati sono in costante aumento.


Blanc e Hertel, sono due ricercatori che hanno confermato che cuocere nel forno microonde causa una significativa alterazione dei nutrienti. Il Dott. Hertel è uno scienziato della nutrizione, ha lavorato parecchi anni in una delle maggiori aziende alimentari svizzere, ma fu licenziato dopo che espresse i suoi dubbi su alcune procedure alimentari che causavano lo snaturamento dei nutrienti.

Successivamente insieme a Blanc, il Dott. Hertel portò avanti la sua ricerca: prelevò campioni di sangue da individui alimentati con cibi cotti al microonde e i risultati misero in evidenza una notevole riduzione dei livelli di emoglobina, con tendenza all’anemia.
La situazione peggiorò quando gli stessi esami furono rifatti dopo una settimana d’alimentazione “microondale”, nessuno ancora conosce i danni causati dall’uso del microonde per oltre un anno, figuriamoci gli effetti per chi lo usa quotidianamente da vent’anni.

Il violento cambiamento che il microonde causa alle molecole del cibo produce nuove forme di vita chiamate composti radiolitici e avvengono altre mutazioni che in natura sono sconosciute. 
La formazione di sostanze radiolitiche avviene anche con altri metodi di cottura e questo ci porta a ritenere che sia comunque meglio nutrirsi con vegetali crudi; col microonde però tali sostanze si sviluppano in numero notevolmente maggiore causando il deterioramento del sangue e di conseguenza del sistema immunitario. Un altro effetto negativo sul sangue rilevato dopo un pasto cotto al microonde, è l’innalzamento di colesterolo “cattivo” LDL.

fine prima parte...
Posta un commento

Ti è piaciuto questo post?