Related Posts Plugin for WordPress, Blogger... Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
nome: email:

24 nov 2012

La crisi economica è responsabile dell'aumento delle malattie


Meno frutta e verdura, più antidepressivi:
ecco come la crisi logora anche la salute degli italiani.


La crisi economica inizia già a farsi sentire sulla salute degli italiani: secondo il Rapporto Osservasalute 2011, infatti, sulle tavole degli italiani sarebbero già diminuiti i cibi salutari in favore di cibi più economici e meno benefici, mentre negli armadietti del bagno sarebbe invece aumentata la presenza di farmaci antidepressivi, il cui consumo risulta quadruplicato negli ultimi 10 anni.

Il Rapporto, stilato dall’Osservatorio Nazionale sulla Salute delle Regioni Italiane, mette in evidenza che per la prima volta dal 2005 il numero di porzioni di frutta e verdura al giorno consumate dagli italiani è sceso dal 5,7% al 4,8% , si registra un calo del numero di porzioni consumate al giorno: 4,8% contro 5,7% (dato che era rimasto stabile fino al 2008).


Al contrario, l’utilizzo dei farmaci antidepressivi ha subito un incremento negli ultimi dieci anni, passando da 8,18 dosi giornaliere per mille abitanti nel 2000 a 35,72 nel 2010. La responsabilità, emerge dal Rapporto, sarebbe della crisi economica: le difficoltà finanziarie spingono le famiglie a tagliare le spese relative a un’alimentazione sana ed equilibrata, e a limitare quindi il consumo di cibi come frutta e verdura. E, allo stesso tempo, le difficoltà lavorative legate al precariato e alla disoccupazione avrebbero determinato l'aumento del ricorso ai farmaci antidepressivi.

Secondo il Rapporto gli italiani continuano a ingrassare: lo studio disegna infatti un'immagine di un Paese in cui i problemi di peso sono in aumento (nel 2012 era sovrappeso il 45,9% degli adulti italiani, contro il 45,4% del 2009). Oltre un terzo della popolazione adulta è in sovrappeso e una persona su dieci (10,3%) è obesa.
Fonte: il sole 24 ore di red. (27/04/2012)

Aggiungo solo una nota: non è un caso che diminuendo la quantità di frutta consumata si riscontri un aumento di depressione...è normale. I problemi economici sicuramente sono un fattore negativo, ma non bisogna rinunciare alla frutta! qualsiasi sia il prezzo! Cercatela dai contadini, o quando è in offerta nei super market, ma mangiatene sempre in quantità, meglio togliere dalla dieta altri alimenti dannosi e altrettanto costosi. Perché non eliminare sigarette, alcolici, bibite gassate, carne, pesce, dolci, i vari cibi spazzatura, gli aperitivi al bar, o le cene ai ristoranti? 

Se vi nutrite con frutta e verdura (sempre cruda), almeno la vostra salute sarà ottima, e quando si è in salute sia fisica, sia psichica, ogni problema si risolve facilmente, anche la congiuntura economica.




"E' facile ritrovare la SALUTE...
                     ...basta sapere come fare." scopri di più...



Posta un commento

Ti è piaciuto questo post?